Motociclettando 2016 - Designed and created by Slaymer

                                      

                                                                                                                                                                                                                                                        … Fermati e Respira !!!                                 

MOTOCICLETTANDO

#7

Home il progetto Roadbook Libri Contatti

EMILIA ROMAGNA - da Tavullia a Marzanella


Giro di 157Km – Tempo impiegato quasi 5h con pause e qualche visita al borgo di San Leo

Tavullia -> Coriano 24km

Coriano -> San Marino 21Km

San Marino -> San Leo 20 km

San Leo -> Agr.Marzanella 92 km



TAVULLIA non ha bisogno di grandi presentazioni ma è la nostra partenza, dopo una piacevole e gustosa pausa pranzo all’Osteria “DA ROSSI”. Nella città di Valentino ogni lampione della città ha una sua bandiera, una rotonda pare una porzione di pista con il cordolo tutto giallo46. Una città dove si respira aria di motogp, d’altronde siamo in una regione di piloti e motori. Da TAVULLIA ci spostiamo verso MARCIANO DI ROMAGNA e percorrendo le colline con i vigneti del Sangiovese si arriva a CORIANO, patria del mitico Sic58! Percorriamo quindi la strada dei Vini e dei Sapori “Strada della Romagna”. Mentre la percorro immagino quante volte il Sic e Vale l’hanno percorsa con i loro scooter.


Da CORIANO proseguiamo in direzione PIAN DEL PIEVE - FAETANO da dove in lontananza si inizia ad intravvedere la rocca che ospita l’antica citta di SAN MARINO. Entriamo nella Repubblica SanMarinese, cambiano le targhe, i colori delle macchine della Polizia, non siamo più in Italia. Questo è quello che appare subito, ma c’è ben altro da sapere. La Repubblica di SanMarino è una realtà indipendente, con leggi, usi e costumi che mantengono un sapore medioevale, al posto dei Municipi ci sono le giunte di Castello e l’anno inizia a Settembre. Tale Repubblica ha origini antichissime, tanto che San Marino è ritenuta la più antica repubblica al Mondo dopo quella Romana.


Il cartello Italia con il simbolo dell’Europa Unita ci avvisa che siamo rientrati in Italia, e un posto di blocco dei carabinieri ci riporta ai colori classici delle Forze dell’Ordine, ma non ci fermano data la nostra rispettosa velocità. (N.d.r. …meno male!)


Intanto le nostre moto lasciano la rocca di San Marino e dallo specchietto mi gusto ancora questo meraviglioso borgo, e dirigendosi verso CHIESA NUOVA percorrendo la SP89 si attraversa il TORRENTE MAZZOCCO e si imbocca la SP22 direzione CASTELNUOVO.


Da qui le strade si fanno più strette, non sempre con un asfalto curato, ma con curve e contro curve che ci permettono di godere e assaporare le colline della VALMARECCHIA e raggiungere un’altro stupendo borgo. Il borgo di SAN LEO che si trova situato su un enorme masso roccioso tutt’intorno invalicabile. Infatti vi si accede per un’unica strada tagliata nella roccia e sulla punta più alta dello sperone si eleva l’inespugnabile Forte di San Leo. E’ un luogo senza tempo, un patrimonio architettonico ben conservato, ne sono un esempio la Pieve preromanica, il Duomo romanico lombardo del sec. XII, il Forte e tante altre strutture che si possono visitare all’interno delle mura. Il panorama è uno dei più belli e caratteristici dove nelle giornate soleggiate la vista spazia dai monti fino al mare. Ospitò tanti personaggi storici, tra cui Dante, S.Francesco d’Assisi e il Conte di Cagliostro e molte sono le curiosità che vi lascio scoprire di questo borgo antico.


Il nostro percorso continua, attraversando il FIUME MARECCHIA e prendendo la SP258 direzione NOVA FELTRIA - CASALECCHIO si raggiunge ROMAGNANO. Il percorso finora ha richiesto delle soste d’obbligo, ma per raggiungere TREDOZIO la strada è ancora lunga. Non tanto come km ma come percorrenza e il Sole stà iniziando a tramontare.   Da SARSINA si prende la SP128 direzione RANCHIO, si svolta sulla SP95 direzione CIVORIO si prende la SP75 e si passa da CIGNO - CIVITELLA ROMAGNA.

Il Sole ormai ha colorato di rosso il Cielo, il tramonto è in atto e noi continuamo a farci trasportare da queste strade che ci portano ad attraversare colli su colli, e costeggiare il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.


OK è buio! Il faro della mia AfricaTwin illumina a meraviglia, ma il panorama circostante lo scopriremo domani, ora è un sali e scendi tra i colli. Seguo le indicazioni della SP24 direzione STRADA SAN ZENO, giriamo sulla SP23 fino a ROCCA SAN CASCIANO - MODIGLIANA - TREDOZIO.


A TREDOZIO entriamo nel piccolo paesino e saliamo verso MARZANELLA dove ci aspetta un meritato riposo, all’agriturismo omonimo che ci ospiterà per i prossimi giorni.


Eh si… perchè dovete sapere che questa mattina siamo partiti da Arona per andare a fare pranzo a TAVULLIA (da dove inizia questo giro che vi ho raccontato) quindi un pò di km li avevamo già percorsi. E l’indomani, per tutto il weekend partecipereremo alla ROMAGNA TWIN e ci saranno svelati i panorami che abbiamo percorso nel buio, e molti altri ancora!!


CURIOSITA’: a 5km dall’agriturismo c’è il Monte Busca, con il vulcano più piccolo al mondo che non poteva che trovarsi in località Inferno. Corrisponde a un modo scherzoso per definire un piccolo ammasso di rocce con una particolarità senza la quale sarebbero totalmente anonime. Dal Monte Busca si alza una fiamma costante. Il vulcano più piccolo del mondo è una falò, un “barbecue” perpetuo che non si spegne mai. Non è segnalato da nessuna parte, dopo Tredozio si cerca il casolare.


E’ ora di cena … domani con la ROMAGNA TWIN godremo di strade bianche, piadine e crescione, ora non ci resta che gustare un’ottima cena all’agriturismo e brindare con un buon Sangiovese.


Pura Vida!