Motociclettando 2016 - Designed and created by Slaymer

                                      

                                                                                                                                                                                                                                                        … Fermati e Respira !!!                                 

MOTOCICLETTANDO

#7

Home il progetto Roadbook Libri Contatti

SVIZZERA canton graubünden - FLUELA E JULIER PASS


***Giro da 150km – Tempo impiegato 3ore 1/2***


Facile percorso, con una bella altimetria e con paesaggi montani mozzafiato. Dove è meglio usare la filosofia “Slow down” per godersi al meglio, tutto quello da cui si è circondati. In questa stagione i campi in fiore, fanno da contorno alle imponenti vette, alcune ancora innevate. Ottimo asfalto, se non per diversi cantieri stradali aperti per la manutenzione delle strade. Lavori che possono essere svolti peraltro, solo nelle stagioni piu calde.

 CELERINA (1714mt) – BEVER – MADULAIN – ZUOZ – ZERNEZ
Partendo da CELERINA si percorre la Via Maistra in direzione SAMEDAN. Percorrere la strada interna alta, passando dai paesini di SAMEDAN, BEVER e MADULAIN fino a dopo  S-CHANF, dove si riprende la 27 fino a ZERNEZ. Arrivando a ZERNEZ si passa per una valle piu stretta, e s’inizia ad intravvedere il passo del Flüela. Nel centro di ZERNEZ si trovano facilmente le indicazioni per il FlüelaPass e DAVOS.


 ZERNEZ – FLüELAPASS (2383mt) – DAVOS – TIEFENCASTEL
Da ZERNEZ, la strada inizia ad attorcigliarsi in salita verso il FLüELAPASS. Si tratta di un passo alpino Svizzero, il Flüelapass 2383mslm, molto interessante dal punto di vista piegaiolo, ma anche dal punto di vista paesaggistico non e’ da meno. Lunghezza del percorso circa 26km. La giornata è splendida e la temperatura ci permette una pausa torta e caffe all’FlüelapassOspiz all’aperto, e bordo lago! Terminata la sosta, si ridiscende verso DAVOS. Ed è proprio in quel momento che raggiungo quota 50.000km sul tachimetro …foto di rito!!!!  Scendiamo a DAVOS, famosa località dei Grigioni, che con i suoi 1560mt è la città più alta delle Alpi. “
Questa città molto estesa, situata nella Valle di Landwasser, è un rinomato luogo per congressi e la più grande stazione di sport invernali, dalla vivace atmosfera cosmopolita. Essa offre innumerevoli possibilità. Il simbolo di Davos è il moderno Centro Congressi che ospita (quasi ogni anno il Forum Mondiale dell’Economia (WEF). Nel cuore di Davos i visitatori possono scegliere tra una vasta offerta in fatto di alloggiamenti, molteplici possibilità di trascorrere un po’ di tempo tra boutique, caffè e ristoranti. E il divertimento è assicurato anche di notte con bar, un casinò e discoteche. Davos è inoltre sede del famoso Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe Weissfluhjoch/Davos.” (tratto da http://www.myswitzerland.com) .

 Attraversato DAVOS si seguono le indicazioni per TIEFENCASTEL. Si ritorna nelle realtà di paesini, dove tutti si danno un gran da fare per tagliare i prati. Lascio la macchina foto nella custodia e mi godo la strada, ci sarebbero da scattare troppe foto, così non ne faccio neanche una. Da TIEFENCASTEL si trovano le prime indicazioni per ST.MORITZ e JULIERPASS.


TIEFENCASTEL – BIVIO – JULIERPASS (2284mt) – SILVAPLANA – CELERINA (1714mt)

A TIEFENCASTEL si gira in direzione JulierPass – St.MORITZ sulla 3 . Si passa il Laj da Marmorera e si ritorna a salire verso i 2284mt dello JulierPass. Quà i ricordi vanno a quest’inverno, quando avevo percorso il passo con l’OzioKar nel bel mezzo di una bufera di neve. (..meno male che avevo appena montato le gomme da neve!!!). Adesso vedo anche tutto il paesaggio attorno e non solo distese di neve, e tanta ..e ovunque :). Su questa strada, i lavori stradali sono diversi e alcuni pezzi sono a tratti sterrati. Foto di rito in cima allo JULIER, e via a scendere verso SILVAPLANA e l’omonimo lago. Alcune vele di kite colorano il lago.

E rientro a CELERINA, passando lungo il lago di ST.MORITZ, con alcuni pescatori su piccole barchette a remi  che aspettavano il tramonto. Ormai pregustavo già la pausa thè a casa, e così un colpo di gas e via gli stivali da moto ..un comodo paio di ciabatte e un thè verde caldo.